top of page

la mia città preferita


Roma è sempre stata quella città per me piena di ispirazione e malinconia.


Tornare questo weekend a camminare sui Sampietrini è stato qualcosa di magico.


Mi chiedo sempre come si possa avere un luogo nel cuore, quando ce ne sono altri mille là fuori ad attenderci.

E io altri mille posti lì ho pure visti ma nessuno è come Roma.

Nessuna città riesce a regalarmi lo stesso tramonto e le stesse sensazioni.

Quelle sfumature di viola e arancione che rendono ogni angolo della città unico e indimenticabile.


Se dovessi scegliere un luogo in cui svegliarmi e voler fare colazione, sarebbe di sicuro questo. Svegliarmi e dire "andiamo a far colazione al Colosseo" oppure "andiamo a far aperitivo a Castel Sant'Angelo" oppure ancora "facciamo un giro a Trastevere" sarebbe per me un sogno.


Ma da abitante di un'isola, Roma è anche una città frenetica e grande per una persona abituata a percorrere pochi chilometri per raggiungere l'altro lato della città.


Non mi dispiacerebbe comunque fare quel tragitto in macchina con le canzoni tristi a tutto volume.


Quando mi chiedete chi sono, non saprei proprio dirvelo.


Sono un insieme di controsensi e fragilità nascoste dietro un tramonto di una grande città.


Sono uno strato sopra l'altro di cui non si può mai scoprire cosa c'è realmente sotto e questo spesso mi fa sentire al sicuro.


Mi fa sentire una cosa difficile da capire, che in pochi riescono a decifrare e mi va bene così.


Mi va bene perché questa sono io.


Una mezzaluna che non mostra mai tutta se stessa.

Solo chi è meritevole potrà vedere la mia luna piena.

- @adessoscrivo



Vi abbraccio,

Ilaria

9 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments

Rated 0 out of 5 stars.
No ratings yet

Add a rating
bottom of page